Bologna, fiamme dolose in un nido…

Bologna, fiamme dolose in un nido: trovate bottiglie incendiarie

Bologna, fiamme dolose in un nido: trovate bottiglie incendiarie

Colpito il Gaia di via Battaglia, zona villa Spada. Il sindaco: “Chi sfregia la città deve essere punito”. La cooperativa Cadiai che lo gestisce: Danni gravissimi, ma domani riapriremo”

Un incendio doloso nella tarda serata di ieri ha colpito il nido Gaia, situato in via Felice Battaglia (zona villa Spada), gestito dalla cooperativa Cadiai in convenzione con il Comune di Bologna. “Sono state ritrovate anche bottiglie incendiarie. Mi chiedo se queste persone si rendono conto di quale gesto ignobile abbiano compiuto”, scrive il sindaco Virginio Merola.

Le fiamme si sono sprigionate intorno alle 23, e sono state domate dai vigili del fuoco. E’ intervenuta anche la polizia. “Chi sfregia Bologna deve essere punito, e questo gesto soprattutto, perché colpire scuole e asili significa minare le fondamenta della nostra comunità, i fondamenti del nostro futuro. Chiedo alle Forze dell’Ordine un impegno straordinario per trovare i responsabili. I genitori e i cittadini della zona sono stanchi di subire atti vandalici e io con loro”.
“Si tratta di un gesto incomprensibile che ci indigna”, scrive in una nota Marilena Pillati, assessore alla Scuola del Comune di Bologna, “perché colpisce uno dei luoghi che meglio rappresentano la cura e l’attenzione della nostra città nei confronti dell’infanzia”. “Colpire i luoghi dell’educazione – prosegue Pillati – significa non solo colpire beni comuni, ma il cuore stesso della nostra comunità. Ci auguriamo che sull’accaduto si possa al più presto fare chiarezza”.
Cadiai: “Danni gravissimi, e non è la prima volta”. Quasi 70 bambini sono oggi a casa per colpa dell’incendio “provocato, come confermato dai rilievi svolti, da 3 bottiglie di alcol facilmente reperibili in qualsiasi supermercato. Nonostante i gravissimi danni provocati dall’incendio, il Nido Gaia sarà agibile e aperto per accogliere i bambini già da domani, grazie al particolare tipo di struttura modulare che consente di isolare completamente la sezione distrutta dai vandali”, scrive la cooperativa Cadiai.
“Siamo profondamente sconcertati e indignati per un simile atto – afferma Franca Guglielmetti, presidente di Cadiai -, sempre condannabile, ancora di più in questo caso perché va a colpire una struttura che accoglie bambini e che quindi colpisce i nostri piccoli e le loro famiglie. Non è rassicurante pensare che chiunque, con materiale così facilmente reperibile, possa arrecare un così grave danno. E’ fondamentale accertare le responsabilità di questo incendio – continua la Presidente Cadiai -, trovare i colpevoli e capire se si tratta dell’ennesimo gesto di balordi a cui la situazione è sfuggita di mano o di altro. In passato il Nido Gaia è stato già oggetto di frequenti atti vandalici che hanno causati svariati danni e scritte sui muri esterni della struttura che ne hanno deturpato l’estetica. In quel caso, invano, è stato portato avanti un percorso di recupero attraverso la trasformazione degli orribili scarabocchi in murales decorativi. Anche il nuovo murales così realizzato è stato ulteriormente deturpato”.

Bologna, fiamme dolose in un nido…ultima modifica: 2015-11-04T11:39:02+01:00da ilove-er
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Attualità - Emilia Romagna e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento